logo

0
0
0
s2smodern

La “Polvere” (Pruvulazzu)
La nuova raccolta di Renato Pennisi

di Sergio Spadaro

É uscita da Interlinea (NO, 2016) la silloge poetica in dialetto del catanese Renato Pennisi intitolata Pruvulazzu, con un’introduzione di Giovanni Tesio. Il quale esclude in queste liriche ogni suggestione simbolista e parla di un “io lirico racchiuso dentro una narratività a volte dissimulata, ma molto più spesso manifesta”, ravvisando una “forte fraternita con la poesia di Salvo Basso” E aggiunge che il suo “percorso e collocato su registri bassi, sull’adozione costante del pedale disadorno, […] che enuncia i fondamentali di un pensiero ispirato alla polvere, al disordine, alla confusione, all’ombra, al buio, al labirinto”. Ma anche se in cio si avverte una “sensazione di nientità”, “a scattare agli occhi e la piega civile”, con un’”aderenza della parola alla cosa”, che fa del libretto “il suo più bel libro: riflessivo, melanconico, indignato, ma sempre cosi misurato e scabro”.

Anche noi ci “identifichiamo” con quanto scrive il prefatore, e riscontriamo che quello della polvere diventa una metafora generale del mondo dell’autore, ma riferita sempre al contesto catanese, come si evince da questi riscontri: casi e casuzzi […]/ nta lu quacinazzu e nta lu pruvulazzu”(p.15); “lu centru cità è sutta ‘n jitu / di pruvulazzu, lu suli è jancu” (p. 23); “lu cauru d’austu / ccu lu sciroccu ca jisava carti e pruvulazzu” (p. 59). Da un registro realistico si passa cosi a quella nientificazione catamorfica che travolge ogni persona: “Enzu lu bancunista, Tania la cassera unni sunnu? / Pruvulazzu puru iddi / nta sta sira d’austu / comu cu’ scrissi sta puisia / comu chiddu ca la sta liggennu” (p. 77). Per diventare infine introspettiva visione universale: “lu duluri adduma e astuta stiddi / teni additta e distruggi l’universu. // E li paroli, sillabi ca si squagghiunu /portanu sconzu / addiventanu pruvulazzu nta la menti” (p. 75). Qui comunque non c’è il memento cristiano e consolatorio del pulvis es et in pulverem reverteris (Genesi, 3, 19), col suo implicito sogno di ricongiunzione post mortem al Regno Celeste. Si versa sempre in una dimensione laica e priva di connotazioni trascendenti, anche se venata di un più sommesso senso di compartecipe affratellamento religioso.

Pennisi20Pruvulazzu20180E, naturalmente, siamo a Catania, dove la luce e in eccesso, ma dove – come scriveva Brancati (Paolo il caldo, 1955) – “la luce del sud rivela nella memoria una profonda natura di tenebra”. Cosi si ha: “e tutti li culura / di l’estati m’allinchienu l’occhi / ca a vulilli cuntari / hannu un nomu sulu / luci” (p. 32); come le margherite e una sola rosa rossa, “non c’è la manu ca la pusau / nta la luci ca si sperdi / nta lu scuru ca s’affaccia / nta lu silenziu / ca l’agghiutti” (p. 61); Lu celu scuru / si mancia la luna / lu scuru vinci sempri / lu celu scuru / si mancia lu suli” e via seguitando (p. 81).

Sarebbe sbagliato, comunque, pensare che la temperie del libro sia sempre tendente verso la discesa finale e verso il buio. Ci sono sprazzi e segmenti in cui la natura offre quanto di piu risplendente e vitale ci possa essere. Si prenda questi esempi: “puru ju n menzu a li grasti di girani / ca na lu scuru non perdunu lu çiauru” (p. 20); “lu çiauru di lu gersuminu trasìu ntuttuna barcuni / apertu” (p. 21).

A controbilanciare ogni confusione interiore (“strammatu caminu / tra paroli e silenziu: p. 52), c’e poi una sezione del libro, intitolata Bar Cori Rossazzurru, quasi interamente (l’eccezione e l’autobiografico testo di Eru nenti) dedicata all’interscambio sociale, con una galleria di “ritratti”.

Si va dai ventenni (“cint’anni nta cincu cristiani”) di La sezioni; al semplicione (Lu pagghiolu) che confessa d’iniziare la chemioterapia; al reduce dalla Germania dov’era andato in cerca di lavoro che dice, con tipico hu50 mour catanese, “cci ji ppi / fari na passiata”; al funzionario ministeriale che, di fronte ai tradimenti della moglie, afferma “tantu ssa genti prima o poi / lu stissu si l’ha quagghiari”; al prete Don Melu o al barbiere Don Saru, che ha in bocca solo cinque denti e sembra cosi una visione alla Bosch ; o a Donna Pudda che diceva essere il destino “nta li nuvuli / nta li furriati di li rìnnini”.

Ma e in certi testi che la “piega civile” – come diceva inizialmente il prefatore – prevale su tutto. Come in La fami o come in Lu quarteri: “lu quarteri parra na lingua muta / quali cunorti [conforti] quali giuvintù / quali ducizzi, ca tutto cummogghia lu silenziu, la vita / la vivi ‘n sonnu”; o come nella petrarchesca invettiva : “Sciancata Italia, nta sti strati / chini di scaffi e pruvulazzu / chi fini ficiru deci anni / di jastimi? Stu silenziu / vulissi diri chi semu tutti morti?”.

Sul piano formale si avverte che Pennisi e maturato attraverso la tradizione novecentesca e il suo modo di comporre procede per “addizione” paratattica. Spesso ricorre la figura della ripetizione: “propriu non m’hannu caputu” (2 v., p. 35), “Dona Pudda diceva” (2 v., p. 47), “ppi sempri” (5 v., p. 54), “e non mi n’addunai” (2 v., p. 57), “ammuttu tri uri di sonnu” e segg. (2 v., p. 65), “parola” (3 v. in forma anaforica, p. 79), “lu celu scuru” (6 v., p. 81).

Sul piano lessicale, stranamente, la traduzione in lingua si discosta dalla semantica dialettale: come in cumacca (combriccola) resa con “fa da complice” (p.20), o come in lagnusa (lagnosa) resa con “pigra” (p. 54, anche se in tale accezione e registrata in dizionari ottocenteschi).

E Pennisi può concludere – e noi con lui – “ntra sta partenza / e ‘n ‘autra partenza / c’è cchiù di ‘n mari ammenzu”.

0
0
0
s2smodern

Editoriale

Image

Notizie in evidenza

ImageLa memoria e l'Alzheimer
L'ultimo libro di Emanuele Schembari
ImageCarlo Cattaneo
Lo scrittore al servizio della civiltà
ImageIn Italia ce ne sono migliaia
Concorsi  letterari & affini
Consigli agli autori emergenti
ImageLa “Polvere” (Pruvulazzu)
La nuova raccolta di Renato Pennisi
ImageSocial Media & Letteratura
Liberi di scrivere?
ImageAprire la nostra mente
La scrittura omologata
Una trappola mentale per scrittori e poeti

Oroscopoesia

Image
L'oroscopo di dicembre

Pensieri

Image
Andrej Sinjavskij

Note a margine

Image
Scritti brevi
di Salvatore Fava

Novità in libreria

Image

Consigli per la lettura

Argomenti

ImageAutori  Emergenti
Distribuzione e promozione
Fatti, misfatti e mistificazioni  
ImageBenedetto Croce
“Difesa della Poesia”
Un manifesto ancora attuale
ImageIl luogo delle origini
di Andrea Guastella
ImageAntonina Crimi
Mettere le ali
ImageUn nuovo libro di Bruno Rombi
Occasioni: una voce poetica ispirata

Poeti e scrittori

ImageIntervista a Caterina Spallino
Una voce di primo piano della poesia emergente
ImageUna silloge di 
Francesco Sinatra
ImageUna silloge
di Andrea Cattania
ImageQuando la passione per l’auto incontra la poesia
Allegoria per la Porsche 911
ImageJean Claude Dubail
“Riflessioni”: un libro che apre l’anima