logo

0
0
0
s2smodern

Carlo Cattaneo

LO SCRITTORE AL SERVIZIO DELLA CIVILTÁ
dagli Scritti critici

 

La letteratura che ai dì nostri si è tutta data al servizio della civiltà non può più essere, come in antico, coltivata nell’isolamento; ci ridiamo ora di letterati anacoreti, alziamo sdegnosi le spalle sulle loro meditazioni egoistiche dalle quali traspira sì profonda ignoranza del mondo e delle cose, erudizione sì limitata, limitata spesso al circuito della propria città o tutt’al più della propria nazione, e che mostrano d’ispirarsi ad idoli da gran tempo abbattuti, a tradizioni scolastiche retoriche o grettamente classiche. Sdegniamo i loro libri che solo la data posta al frontespizio c’indica appartenere al nostro secolo, piuttosto che al Settecento o ancora indietro.

Oggi vogliamo nella letteratura la scienza, non nel senso didattico ma nel senso dell’erudizione vasta, profonda, nel senso della solidarietà delle nazioni, nel senso umanitario, nel senso della libertà. È un errore deplorabile credere che l’erudizione letteraria inceppi lo sviluppo della letteratura nazionale; ne è anzi la condizione, laddove invece un’erudizione monca e parziale le impedisce lo sviluppo, rendendo più facili le imitazioni, meno lampanti le servilità.carlo cattaneo 01

Prima di Lessing non v’erano in Germania che le goffe imitazioni di Shakespeare, degli Ayrer e dei Gryphius; ma solo dopo Lessing la Germania ebbe uno Schiller. Prima di Derjavine la Russia non aveva letteratura nazionale; fu la critica che diede i Pouschkine, i Gogol, i Tourguenief.

Le commozioni politiche non affrettano i progressi letterari e scientifici d’un popolo in quanto risvegliano la critica, e la critica non si acquista che coll’eclettismo dell’erudizione.

Tre cose, a parer nostro, concorrono a formare gli scrittori, e sono: leggere, leggere, leggere. Un grado insufficiente di lettura non è che dannoso a chi ambisca ad abilità di scrittore; è un ammasso sconnesso, indigesto, che assolutamente non vale a porgere quel criterio sintetico che scopre i nessi, le relazioni, e di tutti i libri fa un libro solo.

Molti pensano che basti allo scrittore apprendere la scienza di scrivere bene, e s’ingannano; egli prima deve apprendere una scienza non meno ardua, non meno difficile, la scienza di ben leggere, che non si può insegnare, perché da sé stessa s’informa, che non ha mezzi definibili perché vi si arriva più o meno tardi, più o meno difficilmente a seconda delle rivelazioni della sintesi, e che consiste nel ricavare dalla lettura, non più pensieri di questi o quegli, ma il pensiero collettivo dell’umanità.

0
0
0
s2smodern

Editoriale

Image

Notizie in evidenza

ImageLa memoria e l'Alzheimer
L'ultimo libro di Emanuele Schembari
ImageCarlo Cattaneo
Lo scrittore al servizio della civiltà
ImageIn Italia ce ne sono migliaia
Concorsi  letterari & affini
Consigli agli autori emergenti
ImageLa “Polvere” (Pruvulazzu)
La nuova raccolta di Renato Pennisi
ImageSocial Media & Letteratura
Liberi di scrivere?
ImageAprire la nostra mente
La scrittura omologata
Una trappola mentale per scrittori e poeti

Oroscopoesia

Image
L'oroscopo di dicembre

Pensieri

Image
Andrej Sinjavskij

Note a margine

Image
Scritti brevi
di Salvatore Fava

Novità in libreria

Image

Consigli per la lettura

Argomenti

ImageAutori  Emergenti
Distribuzione e promozione
Fatti, misfatti e mistificazioni  
ImageBenedetto Croce
“Difesa della Poesia”
Un manifesto ancora attuale
ImageIl luogo delle origini
di Andrea Guastella
ImageAntonina Crimi
Mettere le ali
ImageUn nuovo libro di Bruno Rombi
Occasioni: una voce poetica ispirata

Poeti e scrittori

ImageIntervista a Caterina Spallino
Una voce di primo piano della poesia emergente
ImageUna silloge di 
Francesco Sinatra
ImageUna silloge
di Andrea Cattania
ImageQuando la passione per l’auto incontra la poesia
Allegoria per la Porsche 911
ImageJean Claude Dubail
“Riflessioni”: un libro che apre l’anima